Richiedi gratuitamente la carta prepagata e inserisci il codice GIFT10 in fase di richiesta.

Ricarica almeno 1 euro e riceverai altri 10 euro sulla carta!

La promozione termina il 31/01/2018. Affrettati!

 Martedý, 23 Gennaio 2018
FAQ e Guide Contatti 72 Utenti Attualmente OnLine 

ULTIME NEWS: Nuovissimo panel di sondaggi online: NiceQuest. Rispondi ai sondaggi e guadagni!
[vai alla recensione completa]
Ritorna alla HomePage
L'unico sito dove a guadagnare sei TU!

SONDAGGI REMUNERATI, al momento il miglior metodo di guadagno. Con i sondaggi retribuiti guadagni denaro... [continua]
  Sondaggi e...   Navigare   Faq e Guide   Pagamenti   Forum  
Prenotazione Link - Downline Builder - Tour Guidato - Area Download e Utility - Pagamenti Ricevuti - Ultime dal Forum
Guida ai siti PaidToRead - Introduzione e Capitolo 1

Questa Ŕ una guida alle PTR (Paid to Read) che Ŕ stata compilata pensando a quelle che potrebbero essere le domande e i dubbi che ti possono sorgere. Questi elencati sotto sono i capitoli che compongono la guida:

1.  Che cos'è il PaidToRead (PTR) e cosa considerare prima di aderire
2.  Iscriversi ad un sito PaidToRead
3.  Ricevere eMail
4.  Altri sistemi per guadagnare da un sito PTR
5.  I guadagni dai referral
6.  Il payout
7.  I "cheater"
8.  Advertising e redemption
9.  Motori di ricerca e Search eMails
10. Il Paid-To-Promote (PTP)
11. Proteggere il tuo account
12. PTR "ads only"
13. I turing number
14. Errori da non commettere
15. Consigli per la pubblicità
16. Sistemi di pagamento online
17. Cosa è un proxy
18. Browsers e sicurezza del PC
19. Site InBox e account POP3
20. Database GeoIP
21. Banner impression
22. Conclusioni

Capitolo 1 - Che cos’è il PaidToRead e cosa fare prima di aderire

Il Paid-To-Read generalmente conosciuto come PTR è un metodo per guadagnare online leggendo email e cliccando su link retribuiti. Il link retribuito è un link spedito con un annuncio che paga gli utenti con denaro o punti finanziati dagli inserzionisti dei programmi. Il valore in denaro e in punti varia da programma a programma.

Tutte queste società hanno dei “timer” (ovvero dei contatori di tempo) che gli utenti debbono rispettare; ovvero intervalli di tempo segnalati da un contatore durante i quali gli utenti dovranno restare su quel particolare sito pubblicizzato (per esempio, 10 secondi, 20 secondi ecc.). Anche questo valore temporale varia da società a società. Gli utenti vengono accreditati regolarmente quando il timer si azzera allo scadere del tempo prestabilito. Se un utente lascia il sito prima del tempo prestabilito dal timer non sarà accreditato per la sua visita.

I programmi PaidTo (=“pagato per”) sono in genere gratuiti, gli utenti per iscriversi non debbono pagare quote di iscrizione e viene loro richiesta la compilazione di un form di iscrizione. Esistono comunque anche se in misura minore alcuni programmi ptr che richiedono una quota di adesione (ndt: data la filosofia del gratuito che regge IoGuadagno.it, tali programmi non vengono recensiti su questo sito).

Quando  trovi un programma PTR che ti interessa ci sono alcune cose che devi innanzitutto prendere in considerazione prima di iscriverti.

1. Autosostenibilità del sito
E' importante verificare se il sito a cui vuoi iscriverti può sostenersi o no. Per farlo, puoi calcolarne la sostenibilità dalle tariffe pubblicitarie che applica. C’è una miriade di siti sulla rete che offrono 10, 20 o anche centinaia di dollari per ogni singola email letta. Se leggerai le tariffe pubblicitarie di questi siti, noterai che un annuncio costa anche meno di 2 o 3 dollari. Se ad esempio il sito ha 100 iscritti e un’email a tutti costa solo 2 dollari per un link retribuito 10$ , il sito sta svendendo pubblicità.

Calcola: 100 iscritti x 10$ ad iscritto = 1.000$

Quindi il costo effettivo dell'annuncio per il sito, senza tenere conto delle referral commission (di cui parleremo tra poco), è di 1.000$. Se un sito vende un’ inserzione che vale 10$ a 100 iscritti per soli 2$ questo comporta 998$ di perdita per ogni inserzione venduta.

Questo sopra è solo un esempio, ma ricorda che ci sono siti che vendono link pagati 10, 20 e anche centinaia di dollari al costo di 2-3 dollari. Non essendo la matematica un'opinione, ti renderai conto che questi siti hanno vita breve o semplicemente non pagheranno mai (aggiunta del traduttore).

1.1 Perché vengono aperti questi siti?
All’inizio questi siti pagano (potrebbero pagare, correzione del traduttore) effettivamente alcuni iscritti giusto per farsi la fama di sito pagante e quindi trovare nuovi associati, ma con l’esempio appena fatto ti abbiamo dimostrato come il sito in questione sia subito indebitato da tale vendita di pubblicità sottoprezzo e capisci quindi che, non essendo sostenibile, i pagamenti, quando ci sono, durano pochissimo. Per tale ragione considerare che questi siti vengano aperti di proposito con l’intenzione di truffare la gente è un’ipotesi non lontana dalla verità. Ricorda, se qualcosa è troppo bello per essere vero, probabilmente è davvero così!

1.2 Cosa c’è di sbagliato nel supportare tali siti?
Alcune persone si iscrivono a tali siti per ragioni differenti:

  • perché credono davvero che saranno pagati centinaia di dollari per cliccare link nelle email. E’ un errore tipico dei principianti e delle persone che si affacciano per la prima volta al mondo delle PTR, totalmente prive di esperienza;
  • perché possono accumulare i loro guadagni per poi riscattarli in pubblicità, e quindi non avere nessuna spesa di tasca propria da investire in annunci;
  • perché generalmente la pubblicità in questi siti costa poco.

1.3 Il numero effettivo degli iscritti  che leggo su questi siti è corretto?
La risposta può essere sia si che no. I titolari di questi siti possono manipolare i dati per mostrare un numero maggiore di iscritti e gli iscritti possono suddividersi in due categorie: gli iscritti attivi che cliccano effettivamente sui link e gli iscritti inattivi che non cliccano di fatto i link ma che non hanno cancellato la loro iscrizione. I siti PaidToRead generalmente hanno una loro prassi relativamente all'inattività degli iscritti che varia da sito a sito: alcuni cancellano gli iscritti dopo 14 gg di inattività altri dopo 30 gg. I titolari dei siti scam non cancellano i loro iscritti neanche dopo un lungo periodo di inattività anche se nei “terms” del sito tale regola sembrerebbe rispettata. Ci sono anche degli iscritti classificabili come “cheater” , truffatori  (spieghiamo più avanti di cosa si tratta). L’evitare di cancellare i cheater e gli iscritti inattivi spiega l’elevato numero di iscritti che questo genere di siti è in grado di mostrare.

1.4 Perché è importante non supportare questo genere di siti?
Di seguito diamo alcune ragioni.
1) Ci sono molti siti legittimi ma che hanno un basso numero di iscritti e con tariffe pubblicitarie generalmente più elevate dei siti scam di cui abbiamo parlato fino ad ora. Quando gli iscritti dei siti scam (truffa) supportano il sito facendo il “redeeming” (riscatto) della pubblicità o pagando di tasca propria per acquistare pubblicità a basso costo, per evidenti ragioni i siti “onesti” avranno difficoltà a competere con tali siti. Se nessuno acquista pubblicità dai siti onesti, non ci sono email da spedire. Di conseguenza meno email ricevute dagli iscritti e quindi piu’ difficoltà a raggiungere il payout (la quota prestabilita a cui si viene pagati). Ulteriore conseguenza sarà una perdita progressiva di iscritti sfiduciati che se ne vanno e maggiori difficoltà per il titolare del sito onesto che ha spese fisse di gestione da sostenere (hosting ecc.). Risultato di tutto ciò è il rischio che il sito gestito onestamente sia costretto a chiudere non essendoci più profitto nel gestire un’attività con pochi iscritti o pochi inserzionisti. Quindi i siti scam possono per assurdo rappresentare la fine dei siti onesti, supportarli significa nuocere agli operatori onesti.

2) Gli iscritti non vedranno un quattrino. Ritornando al discorso della pubblicità svenduta di cui sopra, se un sito vende in perdita continuerà ad indebitarsi e se i guadagni sono di gran lunga inferiori di ciò che viene promesso agli iscritti come sarà possibile pagarli? Vediamo qualche esempio.

Supponiamo un sito con 3.000 iscritti.
E supponiamo che 1.000 di questi sono attivi.
Il payout è fissato a 2.000. (cifra stratosferica).
Il sito spedisce email del valore di 2$
Il costo per spedire una email a tutti è di 10$
Facciamo un calcolo senza considerare le provvigioni dei referrals (coloro che abbiamo presentato)

Una email da 2$ x 1.000 utenti attivi = 2.000$
Costo dell’annuncio 10$
Ovvero 1.990$ di perdita per ogni annuncio

Un iscritto dovrebbe leggere 1.000 email per raggiungere il payout di 2.000$ (come sempre senza considerare le referral commission).
Per spedire 1.000 annunci email il guadagno generato per il sito sarebbe di 10.000$.
La perdita totale dai 1.000 annunci sarebbe 1.990.000 dollari.
Supponiamo che la maggior parte degli iscritti riscatta i suoi guadagni in pubblicità e solo 250 di loro richiedono il payout. Questo significherebbe 250 iscritti x 2.000$; ovvero al sito servirebbero 500.000$ per pagare 250 persone, ma il sito ne ha incassati solo 10.000 (aggiunta del traduttore)!

Non è necessaria un’approfondita analisi matematica per capire che un sito non può pagare mezzo milione di dollari quando ne ha incassati solo diecimila per la pubblicità venduta. Domandati come potrebbe il titolare del sito trovare i soldi per pagare queste persone. Certo si possono considerare le visualizzazioni di banner, annunci testuali, annunci di sponsor che creano entrate per il sito ma le cifre di queste entrate non sono nemmeno comparabili con la spesa necessaria per pagare quelle cifre agli iscritti.

3) Supportare questi programmi è una perdita di tempo. Perché? Perché tali programmi non possono sopravvivere a lungo. Quando arriva il momento di chiudere bottega il tuo lavoro fatto a suon di click svanisce nel nulla e ti resterà solo l’amaro in bocca.

4) Un’altra ragione per cui non dovresti supportare questi siti è che ogni giorno ci sono tanti nuovi iscritti ai siti scam che si iscrivono nella speranza di essere pagati migliaia di dollari. Gli iscritti che riscattano i loro guadagni in pubblicità consapevoli che mai saranno pagati contribuiscono a truffare gli altri iscritti inconsapevoli del fatto che mai vedranno un centesimo.

Nota bene: l’analisi che stiamo facendo riguarda solo i siti che pagano denaro al raggiungimento del payout. Questo non riguarda gli “ads-only” sites a cui ci riferiremo in seguito.

2. Il sito accetta iscritti da tutti i Paesi?
Alcuni titolari di questi programmi limitano le iscrizioni da determinati Paesi. E’ una cosa a discrezione del webmaster. Le ragioni sono varie tra cui il tipo di pubblicità che il sito gestisce. Per esempio se un sito accetta solo iscritti da Paesi tipo U.S.A. e Gran Bretagna ecc. significa che gli inserzionisti offrono i loro prodotti e servizi ad una potenziale utenza limitata a quei Paesi. Quindi avere iscritti da altri Paesi sarebbe del tutto inutile per il sito.
Comunque ci sono alcuni siti che limitano l’iscrizione a liste predefinite di paesi (search friendly countries) dal momento che ricerche effettuate da paesi non presenti nella lista non porterebbero al programma dei guadagni. Parleremo delle ricerche piu’ avanti.

Coloro che vogliono aderire ad uno di questi programmi possono facilmente capire se il loro Paese è nella lista già dalla home-page.
Per esempio “International members welcome”, significa che sono benvenuti iscritti da tutto il mondo nella misura in cui sono in grado di parlare la lingua inglese. Spiegheremo dopo l’enfasi che viene messa sulla conoscenza della lingua inglese.
Altri siti specificano che accettano solo iscritti da determinati Paesi e in genere questa lista sta nella home-page. Se abiti in un Paese non presente nella lista, evita di iscriverti. Se lo farai il webmaster cancellerà la tua iscrizione. Altri siti specificano che anche se gli “international members” sono benvenuti, alcuni Paesi non sono accettati, anche qui verifica che il tuo Paese non sia tra quelli. Altri ancora specificano che anche se gli “international members” sono benvenuti, per alcuni Paesi sarà possibile solo riscattare i propri guadagni per avere della pubblicità. Se il tuo Paese è tra questi, non potrai incassare il denaro guadagnato ma potrai solo usare la cifra in pubblicità, quindi fai sempre molta attenzione prima di aderire e lavorare duramente per poi scoprire che non potrai incassare. Non potrai prendertela con il titolare del sito se non leggi i “terms” all’atto dell’iscrizione.

3. Tra le modalità di pagamento del sito esiste anche quella che interessa a te?
Questi programmi generalmente pagano con  monete elettroniche come Paypal, E-Gold ecc. Generalmente le modalità di pagamento stanno nella home-page. Verifica prima di aderire che il sito paga in una modalità a te accessibile altrimenti sarai costretto a riscattare i tuoi guadagni in pubblicità. Se nella home page non trovi le modalità di pagamento verifica anche nei TOS “terms of service” e nella sezione “help” o "faq" del sito.

4. Il payout del sito.
Ci sono siti che propongono:
- payout mensili senza minimo: ovvero sei pagato ogni mese indipendentemente dalla cifra raggiunta, 1 cent o 10$  non fa nessuna differenza. Il giorno dei pagamenti varia da sito a sito; alcuni pagano ad inizio mese, altri a metà mese ecc;
- payout con minimo prestabilito: gli iscritti sono pagati raggiungendo delle quote minime prestabilite, per esempio 2$ o 5$ e questo quota è a discrezione del webmaster;
- alcuni siti offrono payout di importi diversi a seconda della modalità di pagamento, per esempio 1$ via e-gold, 3$ via Paypal ecc. (quindi se in questo caso sul tuo conto hai raggiunto 2$ non potrai richiedere via Paypal ma potrai farlo via egold;
- alcuni siti offrono payout diversi a seconda del tipo di iscrizione (che spieghiamo piu’ avanti). In genere piu’ alto è il livello di iscrizione (membership) piu’ basso il payout,  per esempio:
membri “free” payout a 7$
membri “bronze” payout a 5$
membri “silver” payout a 3$
membri “gold” nessun minimo.
Perciò è molto importante scegliere siti dove sarai in grado di raggiungere il minimo payout. Piu’ alto è il minimo e piu’ sarà difficile raggiungerlo da solo a meno che tu non recluti dei “referrals” (detti anche “downline”) . Spiegheremo in un altro punto cosa sono le downline e come reclutare nuovi associati.

5. I livelli di referrals del sito
Questi programmi pagano commissioni (ne parliamo separatamente) per le persone che introduci direttamente e indirettamente. Alcuni iscritti preferiscono piu’  livelli di referrals, se invece ritieni di poter raggiungere il payout da solo senza dover promuovere il programma in cerca di altri iscritti da introdurre al tuo seguito, non farà molta differenza per te sapere quanti livelli di guadagno offre il sito.

6. Regolamento del sito (TOS)
E’ importante leggere bene i T.O.S. (terms of service), le condizioni del servizio offerto che dovrai ben leggere per capire se sei idoneo a iscriverti a questo programma. I T.O.S. regolano i rapporti tra il sito e l’iscritto, impegnando entrambe le parti a rispettare queste regole. Non è forse una lettura piacevole ma è assolutamente importante per sapere quali sono le regole che determineranno la tua adesione a quel programma.
E’ altresì importante capire che benché i T.O.S. sembrino tutti uguali, in realtà ogni programma ha il suo, quindi non pensare che la lettura di un singolo T.O.S. del programma ”A” andrà bene pure per i successivi “B”, “C”, ecc. a cui aderirai, quindi per ognuno leggi i suoi T.O.S.!!
E’ dovere del webmaster informare gli iscritti riguardo eventuali modifiche dei T.O.S. ma  può capitare che istanze particolari causino modifiche indipendentemente dalla notifica agli iscritti (che ripetiamo, dovrebbero essere sempre avvisati)

7. Help/F.A.Q. (Frequently Asker Questions)
La maggior parte di questi programmi ha la sezione FAQ ovvero la sezione dedicata alle domande piu’ frequenti, completa di risposte già pronte per ogni dubbio  che ti sorgesse.

Nota: se il programma a cui ti vuoi iscrivere è stato compilato con lo script Cash Crusader (CC Script) puoi verificare se è registrato oppure no. Clicca su questo link ed inserisci il dominio del sito. Per esempio se ti interessa il sito http://www.xyzabc.com, digita xyzabc e clicca su “check“. Se appare come “xyzabc.com is NOT registered” allora ti trovi di fronte ad una copia pirata dello script.

 

Guida tradotta da gilbebiz dall'originale Complete Guide To PTR presente sul GetPaidForum. Ultima modifica il 06/12/2007.

 
 Link consigliati  Sondaggi pagati | RicaricaCell
FAQ e Guide Contatti - Disclaimer - Segnala errore/i - Siti amici - Linkaci
Ricarica Gratis Cellulare IoGuadagno.it è contrario alle strutture MLM e piramidali!

 

Le informazioni riportate in questo sito hanno solo valore conoscitivo.
IoGuadagno.it declina qualsiasi responsabilità per la loro eventuale difformità.
Copyright 2001-2007 Maione Antonio - Tutti i diritti sono riservati.
Contenuti, immagini e struttura di questo sito sono tutelati dalla legge sul diritto d'autore.
E' vietata la riproduzione, anche parziale, senza il consenso dell'autore.

Eventuali nomi e marchi esposti su questo sito appartengono ai legittimi proprietari.
Sito compatibile con tutti i principali browser. Risoluzione minima consigliata 800 x 600.

checking site service